sabato 19 maggio 2018

«Linguarum diversitatem in unius fidei confessione sociavit»



Seven weeks, that is to say, fifty days have passed since Easter. On this day, the Jews celebrated the “feast of the harvest” or “feast of weeks,” by which they thanked God for the harvest and offered the firstfruits to him. On this day, they also commemorated the giving of the commandments on mount Sinai, which happened more or less a couple of months after the departure of the Israelites from Egypt. On this day, the apostles, who, after the ascension of Jesus, were waiting for the fulfillment of his promise, received the Holy Spirit. 

giovedì 17 maggio 2018

Bilancio di un quinquennio e prospettive future


L’articolo che segue è apparso, in francese, sull’ultimo numero della rivista Catholica (n. 139, Primavera 2018, pp. 39-48), diretta da Bernard Dumont (www.catholica.fr). Riportiamo qui il testo originale italiano (scritto nel mese di marzo).
Q



Il 13 marzo 2018 ricorre il quinto anniversario dell’elezione al soglio pontificio di Jorge Mario Bergoglio. È forse giunto il momento di fare un bilancio del quinquennio trascorso e tentare di prevedere, in base all’attuale situazione, i possibili scenari futuri.

sabato 12 maggio 2018

«Sanctificati in veritate»



This Sunday falls between the Ascension and Pentecost. By now Jesus has left his disciples and has come back to the Father; before ascending to heaven, he has told them to wait for the promise of the Father, that is to say, the coming of the Holy Spirit. The Acts of the Apostles tells us what the Eleven did after the ascension of Jesus: they remained in Jerusalem, namely in the upper room where Jesus had eaten the last supper with them. They were not alone; there was with them Mary, the mother of Jesus, and many others; they prayed together waiting for the fulfillment of the promise. Today’s first reading informs us of another activity the apostles did during those days. After Judas’ betrayal and suicide, there were only eleven apostles left; but Jesus had chosen twelve apostles, the same number as the twelve tribes of Israel; so there was need for someone to replace Judas. What were the requirements? “One of the men who accompanied us the whole time the Lord Jesus came and went among us, beginning from the baptism of John until the day on which he was taken up from us.” So, there was need of someone who had been with Jesus before and after his death. The apostles are to be witnesses of Jesus; they have to report what they saw and heard; more specifically, they are to be witnesses to his resurrection. We have heard how Judas’ successor was chosen: the apostles limit themselves to propose two names and ask God to show them which one he has chosen.

venerdì 11 maggio 2018

Paolo VI e la “riforma della riforma”



Il 19 aprile scorso Sandro Magister ha pubblicato sul blog Settimo Cielo una recensione del libro Paolo VI. Una storia minima, curato da Mons. Leonardo Sapienza (Edizioni Viverein, Monopoli, 2018), nel quale il Curatore, sulla base dei Diari del Cardinale Virgilio Noè, offre uno spaccato del Paolo VI “segreto”. Essendo stato il Card. Noè per molti anni (1970-1982) Maestro delle cerimonie pontificie, gran parte delle note riguardano questioni liturgiche. 

giovedì 10 maggio 2018

«Domino cooperante et sermonem confirmante»



In the whole New Testament it is said that Christ is now seated at the right hand of the Father. However, only some books of the New Testament openly speak of the ascension of Jesus into heaven. The place where this event is described with plenty of details is the beginning of the Acts of the Apostles, as we have heard in the first reading, where Jesus, before being lifted up, confirms the promise of the coming of the Holy Spirit, who will make the disciples witnesses to the ends of the earth. 

sabato 5 maggio 2018

«Manete in dilectione mea»



Today’s gospel is the continuation of that of last Sunday. It is the second part of chapter 15 of John. Jesus has compared himself to a vine and his disciples to the branches of this vine, inviting them to remain in him, in order for them to bear fruit. Now Jesus stresses this point, saying, “Remain in my love” (Manete in dilectione mea). This passage is so inspiring that it would deserve a reflection on each verse. I leave it to your personal meditation.

venerdì 4 maggio 2018

Volare alto



Che la polemica contro lo gnosticismo e il pelagianesimo fosse uno dei cavalli di battaglia di Papa Francesco, lo sapevamo da tempo. Ne aveva già parlato nel documento programmatico del suo pontificato, l’esortazione apostolica Evangelii gaudium (n. 94), ed era tornato sull’argomento nel discorso pronunciato a Firenze il 10 novembre 2015, nell’ambito del V convegno nazionale della Chiesa italiana (qui). Senza contare le innumerevoli stoccate lanciate soprattutto contro i “nuovi pelagiani” durante le omelie mattutine in Santa Marta. 

lunedì 30 aprile 2018

A petra Petrus



Sono un po’ di anni che si parla di un “ripensamento” del papato. Giovanni Paolo II, nel 1995, auspicava che si potesse trovare «una forma di esercizio del primato che, pur non rinunciando in nessun modo all’essenziale della sua missione, si apra ad una situazione nuova» (enciclica Ut unum sint, n. 95). Papa Francesco, nell’esortazione apostolica Evangelii gaudium (2013), ha parlato di una vera e propria “conversione del papato” (n. 32). Ai nostri giorni sono sorprendentemente soprattutto i tradizionalisti a interrogarsi sui limiti dell’autorità pontificia. Penso che qualsiasi riflessione su un problema tanto delicato non possa che prendere le mosse dalla tradizione dei Padri, che conserva un carattere normativo per la Chiesa di tutti i tempi. 

domenica 29 aprile 2018

«Sine me nihil potestis facere»



Last week, we were saying that Jesus often used images in his preaching. In the synoptic gospels, he usually resorts to parables, which are stories, to speak of the kingdom of God. In the gospel of John, instead, we do not find parables, but simple metaphors, that is to say, images that Jesus applies to himself, to illustrate some aspects of his own mystery. Last Sunday, Jesus compared himself with the good shepherd; but he had already likened himself to bread and light. In the speech delivered during the last supper, he identifies himself with the way, the truth and the life. 

sabato 28 aprile 2018

“Se il chicco di grano...”



L’altro giorno stavo preparando un post su Sua Maestà (la Regina Elisabetta), i parrucconi di Sua Maestà (i giudici inglesi), i boia di Sua Maestà (i medici dell’Alder Hey Hospital) e i cappellani di Sua Maestà (l’episcopato d’Inghilterra e del Galles), quando è arrivato l’appello di Thomas Evans a sospendere qualsiasi tipo di intervento che non fosse la preghiera. E cosí quel post è rimasto incompiuto, e forse è stato bene cosí. Arrivati a questo punto, non conviene piú occuparsi di Sua Maestà e della sua Corte. Meglio lasciarli al loro destino, dal momento che l’ira di Dio incombe su di loro (Gv 3:36). E su tutti noi. 

sabato 21 aprile 2018

Lapis et pastor



The Bible is not a philosophy handbook nor a theological treatise and neither is a catechism. As a rule, we do not find in it precise and abstract definitions, but stories, poems and parables. Since it deals with the mystery of God, in order to speak of him, it generally resorts to images that depict some of his aspects, without claiming to exhaust his mystery, which is infinite. Even the New Testament often uses images to speak of Jesus, although he was a man, but—let us not forget it—a man bearer of a mystery. Jesus himself employed parables to illustrate the mystery of the kingdom of God, and made recourse to metaphors to speak of himself. We find two of these images in today’s liturgy. 

mercoledì 18 aprile 2018

Una vicenda che spiazza



La vicenda di Alfie Evans, che sta giustamente attirando la nostra attenzione in questi giorni, mi ha fatto fare alcune brevi riflessioni, che vi propongo cosí come mi sono venute in mente, senza alcuna pretesa di completezza e sistematicità. E scusandomi per l’eventuale confusione.

domenica 15 aprile 2018

“Noi amiamo perché egli ci ha amati per primo”



Il lezionario biblico-patristico a ciclo biennale curato dall’Unione monastica italiana per la liturgia (L’Ora dell’Ascolto, Piemme-Edizioni del Deserto, Casale Monferrato, 1989) riporta, come seconda lettura dell’Officium lectionis odierno, un bel testo di Sant’Agostino tratto da uno dei suoi discorsi sull’Antico Testamento (Sermo 34: PL 38, 209-213; CCL 41, 424-427). Nella Liturgia delle ore tale lettura verrà utilizzata martedí prossimo. Si tratta di una riflessione sul Salmo 149: Cantate Domino canticum novum. Una riflessione particolarmente adatta per il tempo pasquale, durante il quale tutto parla di novità: uomo nuovo, canto nuovo, testamento nuovo.

sabato 14 aprile 2018

«Paenitemini igitur et convertimini»



The appearance of the risen Lord narrated in today’s gospel is the same as the first of the two we found in last Sunday’s gospel, namely the appearance to the disciples on the evening of the very day of his resurrection. The disciples were gathered together in the place where Jesus had eaten the last supper with them, and Jesus revealed himself to them, after appearing to two of them who were going back to their village, Emmaus. After recognizing the Lord in the breaking of the bread, these two had returned to Jerusalem to inform the apostles and, while they were recounting their experience, Jesus appeared again to all of them. 

lunedì 9 aprile 2018

«Esiste uno sviluppo della dottrina»



Nei giorni scorsi Sandro Magister ha pubblicato sul suo blog Settimo Cielo un post in cui evidenziava come Papa Francesco usi tre diverse modalità di comunicazione:
— dicendo lui in pubblico ciò che vuole, senza passare da nessun controllo o verifica preliminare;
— facendo sí che altri dicano in pubblico ciò che lui dice loro in colloqui privati;
— raccomandando l’ascolto di persone che dicono ciò che lui stesso non dice né in pubblico né in privato, ma gli piace che sia detto.

sabato 7 aprile 2018

«Qui venit per aquam et sanguinem»



Christianity is a complex religion: there are different aspects to be considered. It is not like human ideologies, where there is only one idea, and everything revolves around it; Christianity has to keep together requirements often at odds with each other. For instance, what is more important, faith or love? There are some who stress the first virtue; others, the second one. Nowadays there is even a tendency in the Church to downplay faith—which would be divisive—and emphasize almost exclusively love for the neighbor, because this would be—and actually it is—the greatest commandment in the law. Of course, there is no contradiction between the constituents of Christianity, and it would be wrong to oppose them as if they were mutually exclusive. On the contrary, it is of the greatest importance to keep them together. Today’s liturgy can help us to do it.

domenica 1 aprile 2018

«Praecucurrit citius Petro»



Running is what strikes more in today’s gospel. Mary Magdalene ran, full of anguish, since she had found the tomb open and empty. Her first thought—her only thought—was that someone might have taken away the body of Jesus. Where was he now? So she ran and went to the apostles—Peter and John—to inform them of the incident. She did not tell them what she had seen—the empty tomb—but her interpretation of what she had seen—the only interpretation, in her opinion, plausible: “They have taken the Lord from the tomb, and we don’t know where they put him.”

sabato 31 marzo 2018

«Non est hic»



“He is not here” (Non est hic), the young man found in the tomb said to the women, who had gone there to anoint the body of Jesus, since his burial had been rushed through because of the sabbath. 

venerdì 30 marzo 2018

«Videbunt in quem transfixerunt»



Christians, over the centuries, have meditated on the passion of Christ. Usually, their attention has been focused on the different moments before his death. Suffice it to think of the Way of the Cross or of the sorrowful mysteries of the Holy Rosary. It would seem that everything ended with Jesus’ death, and everything resumed with his resurrection, as if between death and resurrection there was nothing. We know, instead, from the Creed that between the death and the resurrection of Jesus there are other two mysteries—his burial and his descent into hell. Just to say that between death and resurrection there is no vacuum. Burial and descent into hell are the mysteries on which Christians are invited to meditate on Holy Saturday.

giovedì 29 marzo 2018

«Est Pascha Domini!»



Not always do the gospels agree with each other; sometimes we find some discrepancies among them. One of most controversial cases is the question about the last supper of Jesus with his disciples: was it a Passover meal, like that described in today’s first reading?

mercoledì 28 marzo 2018

Sacerdos alter Christus



During the Chrism Mass a proper preface is used, which illustrates the mystery we are celebrating: “The priesthood of Christ and the ministry of priests.” It is a newly composed preface, maybe the longest one in the Roman Missal, full of theology and spirituality. It is subdivided into four sections.

sabato 24 marzo 2018

«Vere homo hic Filius Dei erat»



Today’s liturgy has two sides: at the beginning of the Mass, we have commemorated the Lord’s triumphal entrance into Jerusalem; now, during the Mass, we are recalling his sorrowful passion. 

venerdì 23 marzo 2018

Decoro istituzionale



Sembrerebbe che lo scandalo Lettergate si sia concluso con le (non del tutto convincenti) dimissioni di Mons. Dario Viganò. Durante lo svolgimento dell’affaire sono rimasto a guardare, tra il divertito e lo sconsolato. Ora che la vicenda sembra essere giunta al suo epilogo, senza tornarci sopra (è stato già fatto piú volte da altri e con grande competenza), vorrei fare un paio di veloci osservazioni marginali.

sabato 17 marzo 2018

«Exauditus pro sua reverentia»



We have just heard the last of the three passages from John’s gospel about Christ’s coming glorification through his cross and resurrection. Unlike the two previous passages, which were taken from the beginning of Jesus’ public ministry, this selection is taken from its end. The scene takes place soon after the entry of Jesus into Jerusalem. Passover is drawing near; there are many pilgrims in the Holy City; among these, some “Greeks,” that is to say, Gentiles who support the Jewish religion—those whom the Acts of the Apostles calls “God-fearers.” These people want to see Jesus. And so they go to Philip; this one tells Andrew, and together they go to Jesus. Notice, Philip and Andrew are, among the apostles, the only ones with a Greek name, since they were from Galilee, where many were bilingual.

domenica 11 marzo 2018

Un supplemento di prudenza



Sta facendo molto discutere in questi giorni la sentenza dell’Alta Corte di giustizia di Londra del 20 febbraio scorso, con la quale si autorizzano i medici dell’Alder Hay Children Hospital di Liverpool a far morire il piccolo Alfie Evans sospendendo ventilazione e nutrizione.

sabato 10 marzo 2018

«Dives in misericordia»


Milan, Basilica of Sant’Ambrogio, 
the “Serpent Column” (left) and the “Cross Column” (right)

This Sunday is halfway through Lent. It is called Laetare Sunday, from the first word of the Entrance Antiphon—an invitation for us to suspend for a day the Lenten penance and to rejoice, so that we may get our breath back for the final sprint before Easter.

giovedì 8 marzo 2018

«Sovvieni alle necessità della Chiesa»



Ieri, durante l’udienza generale, dedicata a una catechesi sulla preghiera eucaristica, il Santo Padre ha tra l’altro affermato:
“Padre, quanto devo pagare perché il mio nome venga detto lí?” – “Niente”. Capito questo? Niente! La Messa non si paga. La Messa è il sacrificio di Cristo, che è gratuito. La redenzione è gratuita. Se tu vuoi fare un’offerta falla, ma non si paga. Questo è importante capirlo.
Naturalmente i media si sono subito buttati a capofitto sulla notizia, soffermandosi su queste tre righe e magari trascurando le altre cinquanta righe della catechesi. Ma questo fa parte del sistema dell’informazione.

lunedì 5 marzo 2018

Mater Ecclesiae



Sabato scorso è stato pubblicato il Decreto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti (CCDDS) sulla celebrazione della Beata Vergine Maria Madre della Chiesa nel Calendario romano generale, che reca la data dell’11 febbraio 2018 (qui). Con tale decreto viene istituita la memoria liturgica di Maria Madre della Chiesa, da celebrarsi in tutta la Chiesa il lunedí dopo Pentecoste. L’allegato contenente le Additiones in Libris liturgicis Ritus Romani de memoria B. Mariae Virginis Ecclesiae Matris, che non si trova sul sito della Santa Sede, è reperibile sul sito del Dicastero (www.cultodivino.va). Sono contento per questo provvedimento per diversi motivi.

sabato 3 marzo 2018

«Quod signum ostendis nobis?»



This year we are reading the gospel of Mark; but, according to an ancient tradition, during Lent and Eastertide, the Church prefers to read the gospel of John. So, on these mid-Lent Sundays we will hear three passages from John’s gospel about Christ’s coming glorification through his cross and resurrection. We start today with the account of the cleansing of the temple. The synoptic gospels put this episode at the end of Jesus’ life, soon after his triumphal entry into Jerusalem before his passion. John instead places it at the beginning of his public ministry, on the occasion of the first Passover spent by Jesus in Jerusalem. 

venerdì 2 marzo 2018

Rosmini e l’ontologismo



Padre Giovanni Cavalcoli, dimostrando grande attenzione ai recenti post sul confronto della Chiesa con la modernità e in particolare su Antonio Rosmini, è voluto intervenire nel dibattito con una lettera che ho pubblicato martedí scorso (qui). Ho apprezzato molto il gesto di Padre Cavalcoli e gliene sono assai grato. Ciò non significa, ovviamente, che condivida la sua posizione. Cercherò di chiarire i motivi per cui non posso trovarmi d’accordo con lui.

martedì 27 febbraio 2018

Padre Cavalcoli interviene su Rosmini


Beh, sembrerebbe che il “laboratorio culturale”, da me auspicato nel post di venerdí scorso, si sia già avviato. Ho ricevuto ieri da Padre Giovanni Cavalcoli una lettera su Rosmini, in risposta ai miei ultimi post sull’argomento. Trattandosi di una questione estremamente importante e visto il contenuto, di gran pregio, della lettera, penso che sia giusto condividerla con i lettori, perché possano farsi un’idea personale che tenga conto dei diversi aspetti del problema. Per una mia replica, bisognerà attendere qualche giorno.
Q


Caro Padre Scalese,


ho letto le sue considerazioni sul pensiero del Beato Rosmini, che Lei ha recentemente pubblicato sul suo blog. La questione che Lei solleva se il Rosmini possa aiutarci nel confronto pensiero moderno postcartesiano è molto interessante, ma io Le direi subito che il Roveretano, per quanto abbia posseduto una mente di  eccezionale acutezza, nobiltà e forza speculativa e ci abbia lasciato al riguardo intuizioni e spunti importanti, nel confrontarsi con Kant e con l’idealismo tedesco, nonostante la sua retta intenzione e la sua opera poderosa di salvare il salvabile e di accoglierne criticamente i valori, seppur tenendo d’occhio le verità di fede, è rimasto ingannato in buona fede dagli errori metafisici e gnoseologici dell’idealismo, come ha dimostrato il Padre Cornelio Fabro in un approfondito e documentato studio da par suo (L’enigma Rosmini, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1988). Questo fu messo in luce autorevolmente dal famoso Decreto Post obitum del Sant’Offizio del 1887.

lunedì 26 febbraio 2018

“Unigenito” o “amato”?




Avevo accennato alla cosa nel post del 14 gennaio 2016, ma senza approfondirla. La liturgia della seconda domenica di Quaresima (anno B) mi ha offerto l’occasione di riprendere in mano la questione. Nella prima lettura, tratta dal capitolo 22 della Genesi, leggiamo:
Prendi tuo figlio, il tuo unigenito che ami, Isacco (v. 2)
Non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unigenito (v. 12)
Non hai risparmiato tuo figlio, il tuo unigenito (v. 16)

sabato 24 febbraio 2018

«Hic est Filius meus dilectus; audite illum»



In today’s liturgy both the first reading and the gospel are set on a mountain. Mountain is a high secluded place, where it is easier for man to meet God. 

venerdì 23 febbraio 2018

Un “laboratorio culturale” per la Chiesa d’oggi



Don Giulio Meiattini, benedettino dell’Abbazia di Noci, che aveva ripreso e approfondito il mio studio sui I postulati di Papa Francesco (qui e qui), mi ha scritto a proposito dei miei ultimi post sul (mancato) confronto fra Chiesa e modernità, con un particolare riferimento a Rosmini:

sabato 17 febbraio 2018

«Erat cum bestiis, et angeli ministrabant illi»



During Lent the arrangement of readings changes. While, during Ordinary Time, the first reading matches the gospel, in Lent it is independent from it and proposes the main events of the history of salvation. The second reading, which in Ordinary Time goes on its own, during Lent highlights some points either from the first reading or from the gospel.

lunedì 12 febbraio 2018

Rosmini e la riforma della filosofia



Un lettore, che ha seguito la mia recente disputa con “Cesare Baronio”, è rimasto incuriosito dai riferimenti da me fatti a Rosmini, e mi chiede se sia possibile scrivere qualcosa su di lui. Lo faccio volentieri, precisando che non si tratta, ovviamente, di una trattazione scientifica, ma solo di alcuni cenni, che hanno come unico scopo quello di... suscitare una maggiore curiosità.

sabato 10 febbraio 2018

«Si vis, potes»



On the day spent in Capernaum, Jesus had already performed some miracles: he had freed a demoniac in the synagogue; then he had cured Simon’s mother-in-law; and finally he had healed many who were sick and driven out many demons after sunset. If you remember, on the following day he had left Capernaum to preach in the nearby villages. It is precisely outside Capernaum that Jesus works another miracle, this time in favor of a leper.

martedì 6 febbraio 2018

Chiesa, modernità, Rosmini e Benedetto



La disputa sul Concilio fra il sottoscritto e “Cesare Baronio” non accenna ad affievolirsi. Monsignore ha replicato al mio post del 31 gennaio con una dettagliata confutazione delle mie affermazioni (qui). Credo che, giunti a questo punto, serva a poco continuare a controbattere punto per punto. Penso che ormai le posizioni siano chiare: su alcuni punti ci troviamo d’accordo; su altri invece siamo irrimediabilmente discordi. La divergenza di fondo sta nel fatto che, mentre Baronio è convinto che siano state inserite deliberatamente nei testi conciliari delle ambiguità, in modo che successivamente al Concilio si potesse procedere alla demolizione della Chiesa secondo un piano prestabilito, io ritengo che il piano ci fosse, riconosco che nei documenti conciliari ci possano essere alcune ambiguità (inevitabili in un concilio pastorale), ma non credo che ci sia stata, da parte dei Padri conciliari (per lo meno da parte della maggioranza di loro) una intenzionale volontà di destabilizzare la Chiesa, come pure sono profondamente convinto che i Papi del postconcilio non abbiano in alcun modo contribuito alla demolizione della Chiesa, ma abbiano al contrario fatto di tutto per difendere la fede cattolica e, semmai, ricostruire ciò che era stato demolito. Queste sono le posizioni, ormai abbastanza chiare. Continuare a discutere su di esse rischierebbe di sfociare in un dialogo fra sordi o, peggio, in una stucchevole e sterile polemica. 

sabato 3 febbraio 2018

«Omnes quaerunt te!»



Last Sunday we said that Mark, at the beginning of his gospel, portrays a typical day in the life of Jesus. A week ago, we heard the account of Jesus’s visit to the synagogue of Capernaum on the sabbath. In today’s gospel we read the continuation of that story. Once the service was over, Jesus, who was accompanied by the four disciples he had just called to follow him, went to the house of Simon and Andrew for lunch. It was a holiday; so, it was a good opportunity to stay together and have a good time. Maybe, since Jesus had just called his disciples, these invited him, so that he might meet their families. As we enter the house of Simon, we discover that he was married. Unfortunately, on that day, his mother-in-law was in bed with a fever. The disciples had just witnessed the cure of a demoniac in the synagogue; so, they told Jesus of the sick woman, hopeful that their master could do something for her. Jesus did not disappoint their expectations; he healed the woman suddenly and completely, so much so that she began to serve them. 

mercoledì 31 gennaio 2018

Concilio e tradizione



“Cesare Baronio” ha molto cortesemente replicato giovedí scorso (qui) alla mia risposta (qui) alla sua “Lettera ad un sacerdote” (qui). Sono grato a Monsignore sia per il tono, molto cordiale, usato, sia, soprattutto, per il contenuto, che costituisce una testimonianza personale per me assai preziosa. Baronio ci porta a conoscenza dello stato d’animo e delle attese che molti avevano alla vigilia e durante lo svolgimento del Vaticano II. È interessante sapere come fu vissuto quel momento tanto importante nella storia della Chiesa:
Nessuno, a quell’epoca, che non fosse parte attiva della congiura, poteva realmente aver la percezione della minaccia che avrebbe potuto rappresentare la convocazione di un Concilio. Anzi: tutti nutrivamo la speranza piú che legittima — ovvia, direi — che esso avrebbe segnato un momento di slancio apostolico.

sabato 27 gennaio 2018

«Quidnam est hoc?»



Last Sunday, Mark told us what was the content of the preaching of Jesus during his public ministry: “This is the time of fulfillment. The kingdom of God is at hand. Repent and believe in the gospel.” We pointed out that this announcement was made by Jesus not only once, at the beginning of his ministry, but it sums up the teaching of Jesus during all his ministry. OK. But we could ask: “What did Jesus actually do during his ministry?” Mark answers this question portraying, at the beginning of his gospel, a typical day of Jesus.

mercoledì 24 gennaio 2018

Un inganno durato cinquant’anni?



Nei giorni scorsi “Cesare Baronio” ha scritto sul suo sito Opportune importune una “Lettera ad un sacerdote. Considerazioni su un inganno durato cinquant’anni”. Io non so chi sia “Cesare Baronio”; da alcuni indizi mi par di capire che si tratti di un Monsignore (almeno, cosí tutti si rivolgono a lui) col quale potrei avere alcuni tratti in comune: bazzica Campo de’ Fiori (qui), in prossimità del quale sono nato e cresciuto (ho frequentato la scuola materna ed elementare in Via de’ Giubbonari); avendo scelto come pseudonimo il nome del celebre Cardinale oratoriano, potrebbe avere, come il sottoscritto, ascendenze sorane. Mi pare di poter cogliere dei riferimenti autobiografici nella descrizione del “vecchio monsignore brontolone” presente nella stessa lettera:

sabato 20 gennaio 2018

«Appropinquavit Regnum Dei»



On this Sunday, we resume the reading of Mark’s gospel we had started in Advent. Today’s passage is about the beginning of Jesus’ public ministry, after his baptism at the Jordan and his temptation in the desert. John the Baptist, who had baptized Jesus, has been arrested, and Jesus, maybe for greater safety, goes back to Galilee. It is in this region that most of his ministry will take place.

lunedì 15 gennaio 2018

Chi comanda in Vaticano?



I lettori che mi seguono con regolarità avranno notato che nei miei articoli raramente parlo dell’esortazione apostolica Amoris laetitia. Il motivo lo spiegai all’inizio del post del 14 aprile 2016. È lo stesso motivo per cui, quando nell’agosto scorso i promotori della Correctio filialis mi chiesero se volevo sottoscrivere il documento, declinai cortesemente l’invito, pensando: chi sono io per correggere il Santo Padre e come posso io giudicare dell’ortodossia del suo insegnamento? Ciò però non mi impedí allora e non mi impedisce oggi di nutrire seri dubbi su Amoris laetitia, né di rilevare l’ambiguità del linguaggio utilizzato, né di denunciare i vizi procedurali che hanno portato alla sua stesura, né di constatare le conseguenze che ha provocato, in particolare la confusione diffusa nella Chiesa e le divisioni tra cardinali, vescovi, sacerdoti e fedeli. Ora poi che una discutibilissima interpretazione dell’esortazione apostolica è stata dichiarata l’unica interpretazione possibile ed elevata al rango di “magistero autentico”, rimango a maggior ragione ammutolito, non perché i miei dubbi si siano dissipati, ma semplicemente perché non so piú che cosa pensare.

sabato 13 gennaio 2018

«Venite et videte»



The feast of the Lord’s Baptism, that we celebrated last Sunday, is, at the same time, the conclusion of Christmastide and the beginning of Ordinary Time. So, today is the second Sunday in Ordinary Time. During this liturgical season, the gospel presents to us the public ministry of Jesus, from his baptism to his passion. On this Sunday, it tells us what happened immediately after the baptism, resorting to some passages from the evangelist John. This gospel, like the first book of the Bible—Genesis—opens with the account of events occurred during a week. What we have heard in today’s gospel happens on the third day of this opening week. 

giovedì 11 gennaio 2018

Un motivo ci deve pur essere



Don Filippo Di Giacomo, sull’ultimo numero del Venerdí di Repubblica (5 gennaio 2018), ci informa del flop del programma di TV2000 Padre nostro, che ha visto la partecipazione niente po’ po’ di meno che del Papa:

domenica 7 gennaio 2018

«Lux vera veniens in mundum»



Yesterday we left Jesus as a little child in Bethlehem; today we find him again thirty years later at the Jordan. After so many years of “hidden life,” with his baptism by John, Jesus begins his public ministry. It is an event full of meanings. We will try to grasp some of them by repeating the intercessions we addressed to Christ himself this morning at Lauds.

sabato 6 gennaio 2018

«Procidentes adoraverunt eum»



What strikes more in today’s gospel is the different attitude of its characters towards Jesus. On the one hand, we see some wise men from the East looking for the king of the Jews. They come from afar; they belong to another people; they profess another religion. Why should they be concerned with the king of an alien and minor people without any connection with them? And yet, after seeing a star, they leave their country towards Judea; they undergo the discomforts of a long journey to pay homage to the king of the Jews and offer him their gifts.

lunedì 1 gennaio 2018

«Sancta Dei Genetrix»


ΜΡ ΘΥ = Μήτηρ Θεοῦ (Mother of God)

Today is the Octave of Christmas: eight days have passed since December 25, when we celebrated the birth of Jesus. The gospel informs us that, on this day, according to the custom of the Jews, the child was circumcised and, in conformity with the directions of the angel, he was named Jesus.